I risultati del progetto di ricerca europeo ValoriBio

I risultati del progetto di ricerca europeo ValoriBio

Eventi31/05/2018

Il progetto di ricerca ValoriBio – Valorizzazione di rifiuti organici mediante insetti per l’ottenimento di biomateriali per usi agricoli, coordinato dalla prof.ssa Lara Maistrello di Unimore, giunge al termine dopo due anni di lavoro. I risultati saranno presentati nel corso di un workshop, giovedì 31 maggio, alle ore 15.00, presso il Tecnopolo di Reggio Emilia alla presenza di Palma Costi, assessore regionale alle attività produttive.

Il progetto ValoriBio, finanziato nell’ambito dei Fondi Europei di sviluppo regionale POR FESR e avviato nel 2016, già durante il percorso ha mostrato di raggiungere risultati lusinghieri e ha catturato l’attenzione dei media nazionali tanto da essere selezionato tra i cinque progetti di eccellenza sull’Economia circolare in Italia dalla redazione di Report – RAI 3, sarà mandato in onda un servizio sull’argomento lunedì 4 giugno.

Il progetto di ricerca sperimenta, in un’ottica di economia circolare al servizio dell’agroalimentare, nuovi metodi per la produzione di bioplastiche e compost di alta qualità e trasforma così gli scarti provenienti dalla filiera agroalimentare da un costo economico e ambientale a un valore aggiunto per l’azienda e per la società. In particolare, l’uso di insetti quali le mosche soldato per valorizzare scarti dalla filiera zootecnica ed altri rifiuti organici permette di ottenere prodotti quali bioplastiche innovative per realizzare teli di pacciamatura biodegradabili che rilasciano azoto nel terreno ed un compost di elevata qualità risultante dalla crescita degli insetti su questi substrati che, addizionato di zeolititi, è un ottimo fertilizzante per le colture.

Ma, il vero fiore all’occhiello del progetto è la realizzazione di un prototipo di impianto industriale ad elevata automazione per l’allevamento di massa di questi insetti, primo in assoluto in Emilia-Romagna e tra i pochissimi in Italia.

Il workshop conclusivo intende sottoporre i risultati ottenuti di ricerca e sperimentazione a imprese produttrici di bioplastiche, operatori del settore agroalimentare, esperti ambientali e cittadini interessati.

Il progetto ValoriBio, è condotto dal capofila BIOGEST-SITEIA (Unimore), con i partner INTERMECH  (Unimore), SITEIA.PARMA (Università di Parma), Reggio Emilia Innovazione e la partecipazione delle aziende: Azienda Agricola Sant’Andrea (Gruppo Amadori), e Kour Energy.

Il workshop è realizzato con la collaborazione dell’Ordine dei dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Reggio Emilia, dell’Ordine dei Chimici di Reggio Emilia e di ASTER – Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna.

La partecipazione all’iniziativa è gratuita, previa registrazione tramite il form in coda alla pagina.

Crediti Formativi Professionali

Ai partecipanti iscritti all’Ordine degli agronomi sono riconosciuti 2.5 CFP.
Ai partecipanti iscritti all’Ordine dei Chimici sono riconosciuti 3 CFP – iscrizione necessaria anche presso il portale http://formazione.chimici.it

Incontri One-to-One dedicati alle imprese

In occasione dell’iniziativa per le imprese interessate sarà possibile prenotare incontri One-to-One con i responsabili e ricercatori del progetto.

Imprenditori e consulenti potranno discutere con i referenti di progetto potenziali opportunità di collaborazione per una applicazione ed estensione degli innovativi sistemi di valorizzazione di scarti dell’agroalimentare alle proprie realtà. Imprese produttrici di bioplastiche avranno occasione di scoprire nuovi metodi di produzione di materiali biodegradabili per l’agricoltura, ottenibili da fonti inaspettate.